in

Houston, abbiamo un problema: Beyoncé

In questi giorni la NASA sta svegliando gli astronauti in orbita nella spazio con le canzoni e la viva voce di alcuni artisti come Michael Stipe, Paul McCartney e Elton John.

La scorsa mattina è stata la volta di Run the World (Girls) di Beyoncé.
Questo è stato il suo personale messaggio per gli astronauti:

“Buongiorno Atlantis, sono Beyoncé. Sandy, Chris, Doug, e Rex, voi ispirate tutti noi ad osare di vivere i nostri sogni – di sapere che siamo abbastanza intelligenti e abbastanza forti per raggiungerli. Questa canzone è soprattutto per la mia ragazza Sandy e tutte le donne che ci hanno portato nello spazio con loro spazio, e le ragazze che saranno le nostre future esploratrici”.

La buona notizia è che grazie a Beyoncé la Terrà ha messo in fuga una navicella di un gruppo di alieni cattivissimi. Il testo della canzone, che parla di un pianeta comandato dalle donne, deve averli spaventati.
Strano.

Però c’è un problema. E’ una cosa nostra personale.
Ci stava venendo fuori una gran bella compilation a tema spaziale: Rocket Man di Elton John, Man On The Moon dei REM, Good Day Sunshine dei Beatles
Run the World (Girls) di Beyoncé ce l’ha ammazzata sul nascere.
Più che una canzone, è un’arma di distruzione di massa. Bombardiamola!

Commenti

Lascia un commento
  1. Magnificent web site. A lot of helpful information here. I’m sending it to several friends ans also sharing in delicious.

    And obviously, thanks on your effort!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Era vero che Bar Refaeli si era rotta un braccio

Un blogger chiamato SpiderTruman sta svelando tutti i segreti della casta di Montecitorio