in

Jamie Lynn Spears parla della sua salute mentale in “Things I Should Have Said”: l’autobiografia nata dopo l’incidente della figlia Maddie

Jamie Lynn Spears
Jamie Lynn Spears

Jamie Lynn Spears ha deciso di raccontare un momento molto importante della sua vita nel libro Things I Should Have Said. Ecco i dettagli. 

La vita di Jamie Lynn Spears è cambiata drasticamente dopo l’incidente della sua primogenita Maddie Briann Aldridge. Il 5 febbraio del 2017, Maddie, che al tempo aveva appena 8 anni, è caduta in uno stagno mentre guidava un quad, rischiando così la vita. Dopo un lungo ricovero in ospedale, la nipote di Britney Spears si è ripresa, lasciando però una cicatrice nella madre. La protagonista di Zoey 101 ha così deciso di raccontare quel duro periodo in un’autobiografia, Cose che avrei dovuto dire, nelle librerie dal prossimo 18 gennaio. 

Ecco che cosa ha dichiarato su Instagram:

“Non riesco a credere di aver finalmente finito di scrivere il mio libro!!! Sto lavorando a ‘Things I Should Have Said’ da ormai molto tempo. Nel 2017, dopo l’incidente che ha cambiato la vita di Maddie, ho sentito una forte convinzione di condividere la mia storia. C’è stato però molto lavoro personale e guarigione che doveva avvenire prima che potessi condividere la mia verità nel modo corretto.”

“Non dovresti mai cambiare te stesso per qualcun altro”

Dopo un lavoro su se stessa la Spears ha così deciso di scrivere questo libro, anche per lanciare un messaggio:

“Ho passato tutta la mia vita a credere di dover fingere di essere perfetta, anche quando non lo ero; quindi, per la prima volta mi sto aprendo sulla mia salute mentale, perché questo processo mi ha sfidato a dover essere dolorosamente onesta con me stessa, e affrontare un sacco di cose difficili, su cui normalmente avrei semplicemente sorvolato, come mi hanno insegnato a fare. Lo devo a me stessa, alla me stessa più giovane, e alle mie figlie per essere un esempio che non dovresti mai cambiare te stesso o la tua verità per compiacere qualcun altro.”

“Spero che questo libro aiuti qualcuno”

Una parte dei proventi andrà all’organizzazione no-profit in materia di salute mentale This is my brave:

“So che ho ancora molto da imparare a fare, ma sento che finire questo libro mi ha permesso di chiudere questo capitolo lungo 30 anni della mia vita. Spero che aiuti qualcun altro là fuori che ha dimenticato il proprio valore, ha perso la voce, o sta cercando di rompere un ciclo malsano nella sua vita. Motivo per cui, sono felicissima di annunciare che una parte del ricavato del mio libro andrà a @thisismybrave, perché so quanto può essere spaventoso condividere lotte personali, soprattutto se non senti di avere un supporto o uno spazio sicuro per farlo, e stanno facendo un lavoro straordinario per sostenere e incoraggiare le persone che condividono coraggiosamente le loro esperienze. Ultimo, ma certamente non meno importante, voglio che sappiate tutti, che tu sei importante, la tua storia conta, tu sei abbastanza. Non lasciare mai che questo mondo cerchi di convincerti del contrario.”

IG: @alessandrolatino

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Loading…

0

Scream: rilasciato il primo trailer del reboot

L’Amica Geniale: la terza stagione arriverà a febbraio