in

Katy Perry ha bisogno di aiuto su Vogue USA di maggio

katy perry vogue servizio
Katy Perry è un po’ in difficoltà nel suo ultimo servizio fotografico…

La popstar americana sarà protagonista della sua seconda copertina di Vogue USA di maggio, dove per l’occasione ha indossato gli abiti geometrici della stilista giapponese Rei Kawakubo, fondatrice del brand Comme des Garçons.

Nella lunga intervista per il magazine la Perry ha parlato ovviamente di moda, ma anche della sua gioventù e della sua conseguente crescita artistica e personale, senza tralasciare la sua decisione di volersi schierare politicamente.

Eccola con indosso un rosso abito d’avanguardia della casa giapponese sulla copertina del prossimo numero di Vogue:

View this post on Instagram

@KatyPerry is our May cover star! In honor of our #MetGala issue, the pop star wears full @commedesgarcons. Tap the link in our bio to read the full interview–and pick up your copy on @Amazon. Photographed by @mertalas and @macpiggott, styled by @therealgracecoddington.

A post shared by Vogue (@voguemagazine) on

Ed eccola mentre chiede aiuto: “Questa è la mia vita adesso #behindthescenes”…

Katy Perry, che ha recentemente lanciato la sua eccentrica linea di scarpe, ha così commentato cosa per lei significhi “moda”:

“La moda è solo un linguaggio. E’ una narrazione. Sono così incoraggiata dalla grande mutazione in atto nella moda in questo momento. Tutto è metamorfosi, cambiamento, adattamento”.

Nella stessa intervista ha parlato anche della sua rigida educazione cristiana e di come è riuscita a diventare la persona che è oggi. Dopo aver sperimentato il “razzismo generazionale” da bambina e  di non essere stata  “autorizzata ad interagire con le persone omosessuali”, ha ammesso che vedere Donald Trump diventare presidente le ha riportato alla mente un sacco di traumi del suo passato.

“Ero molto scoraggiata ad un certo punto. Ho riportato molti traumi. La misoginia e il sessismo sono stati presenti nella mia infanzia. Ho un problema con gli uomini oppressivi che non ammettono l’eguaglianza. Mi sentivo di nuovo come una bambina di fronte a un volto spaventoso, autoritario.Oggi sono grata che i giovani conoscano il nome dei senatori. Penso che le ragazze adolescenti potranno salvare questo mondo! Hanno una voce molto forte – e alta.”

Lanciando poi un appello specifico, magari a quelle persone famose che non si sono esposte…

“Penso che non ci sia bisogno di esporsi urlando. Ma bisogna combattere per qualcosa. (…) Se si ha una voce, bisogna avere la responsabilità di usarla ora più che mai.”

Puoi vedere tutte le foto del servizio fotografico nella galleria qui sotto:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Amici in tribunale: Morgan querelato

lana del rey dazed

Lana Del Rey è una diva sulla copertina di Dazed primavera/estate 2017