Ryuk emerge dall’ombra nel primo trailer di Death Note

death note netflix
Netflix ha rilasciato il primo trailer italiano del film Death Note, attesissimo adattamento in live action del famoso manga giapponese ideato da Tsugumi Ōba e disegnato da Takeshi Obata.

L’anime del manga, all’epoca della sua messa in onda, riscosse un notevole successo internazionale tanto che ne vennero prodotti alcuni film, videogiochi, e perfino un musical nel 2015.

Il progetto, in fase di sviluppo dal 2009, è stato caratterizzato negli anni da diversi cambi di guardia soprattutto per quanto riguarda i registi, tanto che ad un certo punto si fece addirittura il nome di Gus Van Sant.

Lo scorso anno però venne confermato definitivamente che il film di Death Note sarebbe stato affidato alla regia di Adam Wingard (The Guest, You’re Next, Blair Witch) su sceneggiatura di Jeremy Slater.

Death Note racconta la storia del giovane Light Turner (Nat Wolff), che dopo aver trovato per caso un misterioso taccuino nero, scopre che qualsiasi nome venga scritto in un questo soprannaturale diario morirà all’istante. A quel punto, deciderà di utilizzarlo per uccidere i criminali sotto la supervisione di Ryuk, un annoiato shinigami (Willem Dafoe) che l’aveva fatto cadere sulla Terra.

Ovviamente la trama sfocerà in qualcosa di molto più oscuro ed intricato e sarà interessante vedere se il film in qualche modo, rispetterà l’originale e gli renderà giustizia.

Nel cast oltre ai già citati Nat Wolff e Willem Dafoe, vedremo anche Keith Stanfield nei panni di L, la nemesi di Light e Margaret Qualley come Mia Sutton, la versione americanizzata dell’originale giapponese Misa Amane, fidanzata del protagonista.

Il film verrà rilasciato ufficialmente sulla piattaforma di Netflix a partire dal 25 agosto.

Puoi vedere il trailer italiano di Death Note qui sotto:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Loading…

0
baywatch terzo trailer italiano

Baywatch: Zac Efron è caldo nel terzo trailer italiano

fedez

Fedez ha detto che fa la pubblicità delle Giravolte perché è figlio di una disoccupata