in ,

Il regista del video “Mille” di Fedez ha risposto alle accuse della drag queen Paola Penelope

Mille polemica regista

La hit estiva Mille di Fedez con Orietta Berti e Achille Lauro continua ad essere sulla bocca di tutti.

Antonio Giampaolo, il regista del video di Mille ha risposto alla pesante dichiarazione della drag queen, Paola Penelope, che dopo l’uscita del video clip, aveva etichettato l’esperienza sul set come “un incubo”:

“Non intendo continuare la polemica ma voglio spiegare che ci dispiace non aver garantito la visibilità che Paola si aspettava. La nostra azienda racconta spesso tematiche LGTB e siamo molto sensibili al tema, quindi queste accuse ci sembrano fuori luogo. Penso che ci sia stata un’incomprensione“.

Le accuse di Paola Penelope

Tramite un post Facebook, la drag queen presente nel video clip di Mille, aveva definito quell’esperienza lavorativa “un incubo”, affermando di non essere stata rispettata dai collaboratori di Fedez. Paola Penelope ha sostenuto di aver sentito la parola “trans” riferita a lei e alla collega e di essere state messe all’estremità di una scena corale dopo diverse problematiche organizzative.

La replica del regista a SkyTg24: “Abbiamo trattato Paola con riguardo, nessuna offesa”

“Abbiamo trattato Paola con riguardo. Aveva un camerino personale dotato di aria condizionata a uso suo e della collega, dal momento che il loro vestiario di scena è molto complesso, così come il trucco“.

Precisa inoltre, che la retribuzione dell’artista è “il giusto, secondo quanto prevedono i compensi delle comparse”. Poi continua:

”Per quanto riguarda il fatto che l’aiuto-regista abbia urlato al megafono ‘trans’, lo nego io come lo negano altre 68 persone presenti. L’ha sentito soltanto lei, che si trovava su un terrazzo a 70 m di distanza. Sono certo che ci sia stata un’incomprensione vista la distanza tra Paola e l’aiuto-regia ma ciò che a noi preme è che non si dica che il mondo dei videoclip sia discriminatorio. Noi ci teniamo a veicolare messaggi di parità di genere, si tratta di tematiche a cui siamo estremamente sensibili. Quindi questa è stata una polemica che lascia il tempo che trova“.

Manca all’appello però, la replica di Fedez, grande sostenitore del Ddl Zan, su cui ha fondato il suo discorso per il concerto del primo maggio, che non ha ancora espresso una parola su quanto accaduto.

IG: @federicafacchini__

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Loading…

0

Adriana Volpe dice addio a Ogni Mattina e conferma il ritorno al Grande Fratello Vip

Kylie Jenner: “Mi sono rifatta le labbra perché un ragazzo mi ha resa insicura”