in

Amber Riley dedica il nuovo singolo a Naya Rivera: ecco il video dell’esibizione

Amber Riley Naya Rivera tributo
Amber Riley

Amber Riley ha reso omaggio all’amica e collega Naya Rivera con una toccante esibizione.

Naya era scomparsa lo scorso luglio nelle acque del lago Piru in California, dove si era recata insieme al figlio Josey. Molti ex membri del cast di Glee hanno immediatamente mostrato il loro supporto unendosi alle lunghe e faticose ricerche. Purtroppo il corpo della 33enne è stato ritrovato senza vita il 13 luglio e l’autopsia ha confermato l’ipotesi di annegamento, sacrificio compiuto per mettere in salvo il figlioletto di 4 anni.

La scomparsa dell’attrice ha sconvolto profondamente tutto il fandom e la stessa Amber aveva condiviso su Instagram un messaggio d’addio.

La mia partner preferita. Ti voglio bene. Mi manchi, non ho parole in questo momento, solo molti sentimenti contrastanti. Riposa in pace e sappi che la tua famiglia non avrà mai bisogno di nulla“, recita la didascalia del post della 34enne.

Il tributo di Amber al Jimmy Kimmel Live

Lo scorso giovedì la cantante si trovava al Jimmy Kimmel Live per promuovere il singolo A Moment estratto dal suo nuovo album di inediti in uscita il prossimo ottobre. Ha così colto l’occasione per dedicare l’esibizione proprio all’amica scomparsa.

L’artista ha poi commentato la performance con una serie di tweet, rivelando l’emozione del momento e spiegando che le immagini comparse sullo sfondo le sono state donate proprio dalla madre di Naya.

Neanche quindici secondi dopo aver iniziato ero già una pozzanghera. Ti amo Naya. RIP angelo“.

La fantastica mamma di Naya mi ha dato quelle foto. Grazie mamma Yoli. Continuate a pregare per loro“.

Qui puoi vedere il commovente tributo di Amber:

Instagram/@annalisabiasi

Commenti

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Sam Smith paparazzato mentre bacia il nuovo fidanzato Francois Rocci

Bradley Cooper: parrucchino anni ’70 sul set del nuovo film di Paul Thomas Anderson