in ,

Justin Bieber accusato dalla black community di appropriazione culturale

Justin Bieber
Justin Bieber

Justin Bieber è stato accusato di appropriazione culturale dopo aver cambiato stile ai capelli.

Il cantante di Peaches ha pubblicato sul suo proflio Instagram un post e i fan hanno notato che ha cambiato qualcosa. Sembra infatti che Justin si sia fatto i dread.

Justin Bieber con i dreads

I fan nei commenti hanno subito fatto notare a Justin la mancanza di rispetto verso la black community e il cantante ha risposto con un post su Instagram in cui parla delle sue insicurezze e di Dio. Le stesse insicurezze di cui ha parlato la moglie, Hailey Bieber giorni fa. Ecco ciò che scrive Justin:

“Tutti gli umani vogliono piacere, andare bene, appartenere, essere ascoltati, essere accettati… tutti abbiamo le nostre insicurezze che proviamo a nascondere e facciamo sembrare come se le avessimo tutti insieme. Non siamo tutti rotti? Possiamo nasconderci dietro cose superficiali ma la realtà è che siamo tutti feriti. La risposta non può essere in noi stessi, la risposta è in qualcuno perfetto, qualcuno che può salvarci dalla nostra umanità. Colui che ci ha disegnati e ci conosceva prima che noi fossimo formati. Colui che sa dalla fine all’inizio. Il creatore dell’oceano e delle montagne. Il piano di Dio è meglio del nostro. Fidatevi di lui.”

Nonostante ciò, le polemiche nei suoi confronti non si sono fermate e nei post successivi i suoi fan sono divisi a metà: chi lo supporta e chi lo rimprovera. Justin aveva già fatto i dread nel 2016, togliendoli a seguito di varie polemiche e affermando che avrebbe educato se stesso su argomenti delicati come questo. Per questo i fan si sono arrabbiati ancora di più, sentendosi presi in giro. Ecco i commenti che possiamo trovare sotto ai post:

I commenti sotto al post di Justin Bieber
I commenti sotto al post di Justin Bieber

Non è la prima volta che Justin viene criticato dalla black community. Infatti, il cantante nel suo ultimo album “Justice” ha inserito dei discorsi di Martin Luther King Jr.

Justin ha risposto alle critiche che lo identificavano come “white savior” ovvero “salvatore bianco”. Ecco la sua risposta:

“Ero disposto a sopportare quest’odio inserendolo nell’album perché so che c’è uno scopo più grande. Non sto cercando di essere un white savior. L’ho fatto solo per amplificare la voce di Martin Luther King. Voglio continuare a crescere e imparare a conoscere tutte le ingiustizie sociali e so di avere tanta strada da percorrere.”

IG: @silviaamelileo

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Loading…

0

Fenomeno Ferragni in borsa: investimento rischioso? Parla un ex collega

Selvaggia Lucarelli sbotta contro Diletta Leotta: “Sei tu che ti concedi al gossip…”